STOP al Canone RAI

Italia Reale - Stella e Corona

aderisce alla campagna

"STOP al Canone della RAI"

Italia Reale - Stella e Corona, insieme ad altri partiti e associazioni, parteciperà al presidio contro la RAI per l'abolizione del canone che si terrà il 23 ottobre alle ore 18.00, davanti alla direzione generale della RAI in Viale Mazzini 14 (Roma)

Ci saranno Radio Radicale ed altre emittenti a coprire l'evento.

Vi invitiamo a partecipare numerosi ed a diffondere la notizia del presidio.

 

Share/Save

In evidenza

La condizione delle Donne nella repubblica iraniana

La giovane iraniana Reyhaneh Jabbari, condannata a morte per l’uccisione di un uomo che voleva stuprarla, è stata impiccata  all’alba del 25 ottobre nel carcere di Teheran dove era rinchiusa. Secondo alcune fonti, il figlio della vittima ha tolto lo sgabello da sotto i piedi della ragazza. 

Mentre la Repubblica iraniana, consapevolmente o meno, ha portato l'Iran e gli iraniani alla rovina, lo Shah Mohammad Reza ha modernizzato il Paese, e la sua politica estera si è sempre basata sull'amicizia con la comunità internazionale.

La repubblica iraniana ha anche approvato una legge che conferisce maggiori poteri alle pattuglie della "morale" con il compito di controllare e garantire il corretto abbigliamento islamico delle donne, ed addirittua alcune persone sfregiano le donne che non indossano correttamente il velo con dell'acido.

Ricordiamo che nel 1936 lo Shah di Persia, Mohammad Reza Pahlavi bandí il velo perché considerato simbolo di arretratezza, mentre divenne obbligatorio nel 1979 con l'Ayatollah Komeyni.  Sotto la dinastia Pahlavi le donne iraniane acquisirono il diritto di voto sia attivo che passivo; fu emanata la Legge per la Tutela della Famiglia, fissando nuove regole per il matrimonio, per la richiesta di divorzio, per la tutela della prole, per la poliginia; le donne ebbero accesso all’Università di Teheran e furono incoraggiate a seguire corsi di studi in Occidente;  la partecipazione politica femminile a ruoli attivi ed istituzionali divenne consistente e nel 1968 una donna divenne Ministro dell’Educazione. 

 Per salvare la vita della ragazza iraniana, il figlio dell'ultimo Shah di Persia, Reza Ciro Pahlavi, aveva lanciato un appello : "I miei compatrioti che mi seguono in Iran organizzino manifestazioni davanti al carcere dove è rinchiusa Reyhaneh Jabbari".  Secondo il figlio dello Shah, salvare la vita di Reyhaneh, al pari degli altri detenuti in attesa di esecuzione nel braccio della morte in Iran, "non significa negare i diritti di qualcuno e dimenticare che un crimine è stato commesso. Ci dovranno pure essere soluzioni migliori per una società del principio del 'qasas' (la legge del taglione) e delle esecuzioni".

 

iran, politica, repubblica

Messaggio di Re Umberto II ai Triestini

Messaggio di Sua Maestà Re Umberto II ai Triestini 

60° ANNIVERSARIO DEL RICONGIUNGIMENTO DI TRIESTE  ALL'ITALIA

trieste-italia

 

Triestini!

Domani saluterete fraternamente i soldati d’Italia, legittimi tutori della vostra indipendenza e della vostra pace operosa, ritornati a voi sulle orme dei vittoriosi che, guidati dal mio Genitore, compirono gloriosamente trent’anni or sono il riscatto della Venezia Giulia. E’ un imperativa legge storica che si restaura, una suprema esigenza ideale di verità, di libertà e di giustizia che si adempie.

Il ricongiungimento della vostra eroica città allo stato nazionale è dovuto soltanto alla vostra incrollabile volontà di rimanere italiani. Avete affrontato gravissime prove e sofferenze: generose vite di onesti cittadini si sono immolate per la fedeltà alla Madre Patria. I loro nomi si uniscono nel nostro animo a quelli dei tanti intrepidi giuliani che in ogni tempo sancirono col sangue il diritto alla redenzione della loro terra.

Un pensiero d’amore e di speranza si rivolge anche ai molti vostri fratelli, cui si ripresenta il crudele dilemma: o abbandonare casa e lavoro per rifugiarsi in Italia ad accrescere la dolorante schiera dei profughi o restare sotto lo straniero.

Nella dura lontananza dell’esilio mi è particolarmente amaro non essere oggi tra voi, per unirmi all’esultanza della vostra ardente e costante fede patriottica: che essa sia ora più che mai esempio e stimolo a tutta la Nazione.

Viva Trieste Italiana!

Cascais, 24 ottobre1954

Umberto

 

 

savoia, trieste

Italia Reale: “Aboliamo il Canone RAI !”

Italia Reale: “Aboliamo il Canone RAI!”

Domani, 23 ottobre, dalle ore 18 alle ore 20 al presidio per l’abolizione del Canone RAI - organizzato di fronte i cancelli della direzione generale della RAI a Roma in viale Mazzini - parteciperà anche Angelo Novellino, Segretario Nazionale di ITALIA REALE, movimento politico che figura tra i promotori della iniziativa, assieme a iscritti e simpatizzanti.

“Italia Reale è in prima linea in questa battaglia di libertà contro un assurdo e iniquo balzello istituito dal regime fascista nel 1938" - dichiara Novellino -.

"La RAI deve raggiungere il pareggio di bilancio con le risorse pubblicitarie se vuole operare sul mercato o alternativamente essere finanziata dallo Stato con le risorse acquisite tramite il prelievo fiscale, a fronte di una profonda ristrutturazione e di una seria programmazione che elimini la lottizzazione, riduca gli sprechi e gli ingenti compensi che gridano vendetta al cospetto di una Nazione in profonda crisi economica e delle famiglie italiane sempre più impoverite”.

 

 

comunicati, italiareale, politica, RAI

Pages

Alcuni dei nostri progetti

View full portofolio